In un sacro silenzio

accosto dolcemente la porta.

Un fascio di luce

illumina ancora la stanza.

La gobba di una mezza luna

poggia sulla terra.

 

Una nota

musica lo stupore:

il sole buca le nuvole

la nebbia mattutina

-tinge di verde ambrato

l’autunno.

 

Trovate spazio

nel cammino del dolore,

lacrime,

per sgorgare

e sciogliere

la dura patina

che vi impedisce.

Il dolore poi

allenterà la sua morsa

-raggi di luce

sprazzi di gioia

la bellezza nutrirà.

Anche dentro una fine

anche dentro una profonda tristezza

anche dentro una lacrima.

Annunci