Il blog di Luciana Coén

Archivi del mese: Mag 2019

Gesti intagliati nel tempo

su

legno odoroso di olio

vetro soffiato da alito caldo

lamine ramate sbalzate da mani antiche.

 

Gesti impressi nel corpo

nelle volute dell’anima

-mai stanchi di sè

si ripetono e si rinnovano

in un continuo turbinio dell’aria.

 


LOCANDINA WEB

giovedì 23 maggio 2019, una mattinata in compagnia degli anziani

della RSA Villa S. Martino di San Casciano e dei loro acquerelli

http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/approfondimenti/24479/notizie-su-san-casciano/mostra-pittura-rsa-san-martino.php?fbclid=IwAR2JG1zn0o80842VHSZztOttssC2Koo2_Lg90TseLg2VhLydnoijCvt_eBo#.XOegcRYzbIV

nella splendida cornice del Museo Arte Sacra Giuliano Ghelli

madonne

dove la nostra Nunziatina, narratrice della sua vita nel libretto scritto con la cura di Rosella Borghi e Luciana Coèn “Sul filo della memoria-Ricordi amorevoli di Montepaldi”, ha potuto rivedere la Madonna che era nella chiesina di Montepaldi annessa alla fattoria dove ha vissuto e lavorato un’intera vita

nunziatina madonna

facendole battere ancora più forte il cuore!

Grazie alla direttrice del Museo, che ha concesso i locali;

grazie ad Eugenia Liaci che ha condotta i laboratori di pittura;

grazie agli operatori della RSA e alla direzione per l’attenzione ai loro ospiti;

grazie a Rosella per la complicità nell’avventura

ma soprattutto

grazie a tutti gli anziani che ci hanno fatto capire e vedere che dentro ognuno di noi c’è un mondo che può essere sempre svelato con qualsiasi arte

purchè ci sia cura, attenzione, rispetto, curiosità.


un week end ricco di emozioni e sorprese:

due libri in esposizione

(L’amore per la vita dieci anni dopo il cancro-Zedde editore e Renato Coèn, l’uomo privato l’uomo pubblico-Masso delle Fate edizioni)

e tanti colori, sensazioni, bellezza….

grazie alla Regione Toscana, a Masso delle Fate, a Giancarlo Zedde


Due giovani braccia

r-accolsero

il piccolo corpo della donna

– aveva rotolato sul palco

più e più volte

il saluto al pubblico-

dolcemente la posero

sulla sedia

-rotelle per le sue gambe

non la sorreggevano.

Un sorriso luminoso

aprì ancora il volto

e ridenti gli occhi

smossero le piccole dita

in un grande incommensurabile

abbraccio.

Lacrime silenti invisibili

solcarono

corpi integri

-un grazie spesso

e tangibile

per la vita

-qualsiasi sia.

 

PRESENT-Performance-010-Un-Label

https://un-label.eu/en/project/present/

un-label performing arts company/mixed-abled international

https://zoell.wordpress.com/vita/