Il blog di Luciana Coén

Archivi del mese: aprile 2020

Dammi ancora lo stupore

della vita

il fiorire del papavero

della malva

con il suo piccolo fiore malvino

l’aria il sole…

*

Preservami lo stupore

-in questo tempo (in)sospeso-

della natura

del suo rinascere

delle morti improvvide

e improvvise

dei corpi che saranno deposti

-dove?

E le anime?

E della domanda

atavica e pur sempre nuova

affiorante a fior di labbra

negli occhi esterrefatti

-come sarà la mia morte

quando sarà?

Ma fino allora

preservami lo stupore

per la vita

qualunque Trascendenza tu sia

e qualunque vita sia la mia

                      che ancora è

                             finchè sarà.


 

Onde di fiori bianchi

come la schiuma del mare

si frangono

sulle strade nude

di umana presenza

libere di vagare

dove il ramo le porta.