Il blog di Luciana Coén

Archivi categoria: cura

tornoperungiorno_copertina

 

in uscita nei prossimi giorni….

grazie a Rosella per l’acquerello di copertina, grazie a Marta per la prefazione

 

 

buona lettura!!!

 

 

Annunci

Pensando a te, a noi, mamma

la mano è andata oltre il pensiero

che intendeva scrivere:

relazione di cura fra me e te.

Ma la penna ha vergato

relazione di cuore.

Ho sorriso

accogliendo la grande verità

dentro la nostra storia:

cura piena di cuore.

Continua il sorriso

a illuminarmi dentro

insieme alla tua

discreta presenza.

 


In questo vuoto

che occlude –

nel vuoto di parole

e nelle parole vuote, vane –

un calore

apre fragili canali

scioglie spazio e tempo

unisce primo e

ultimo respiro –

unico soffio.

                 Soffio di cura.

La mano – per prima accarezzò

la tua lattea pelle

la mano – provocò desiderio

nel tuo corpo in attesa

la mano – cinse le tue spalle

scosse da lacrime e risa

la mano – scivolò sulle tue ferite

e le fece sue.

                 Mano di cura.

Una voce:

tacque davanti a te-

una voce:

si modulò in ninna nanna-

una voce:

come un canto,

ti protesse dall’ansia-

una voce:

poetando aprì vortici di bellezza-

una voce:

silenziosa accolse il tuo dolore

il tuo urlo

il tuo pianto.

                    Voce di cura.

Gli occhi, chiuderli;

le gambe, andarsene;

la mente, spengersi un momento;

il cuore, prendere distanza:

non più ascoltare

non più sentire

non più vedere

non più soffrire

nella cura di te.

Riavvolgere il nastro.

Un film, solo un film.

Da rivedere a piacimento.

Oppure no.

                       Stanca di cura.


herbert-list

fotografia di Herbert List dal blog http://www.alessandrasarchi.it/storie_di_corpi/

Con il corpo

parli di un dolore

che non può più

essere taciuto

e cerca casa.

Accoglilo, liberalo

liberando te stessa.

Liberati anche del dolore

che non è tuo,

neanche come persona

-donna-madre-compagna.

Abbi cura di te.

Semplicemente

prenditi cura di te,

solo di te,

per ora,

finchè il tempo

lo addomesticherà

e lo abiterà

nell’antro piumato

del tuo cuore.