Il blog di Luciana Coén

Archivi categoria: femminicidio

logo-nudm-02

 

unite e uniti contro la violenza alle donne

e la violenza su tutti i fronti

Annunci

Ammiro e ringrazio chi riesce ancora a trovare parole per il susseguirsi di femminicidi nel nostro paese.

Personalmente, ho invece sempre più difficoltà a trovarle, lo sgomento scatena il silenzio, non compiacente, ma sconvolto, spaesato per il reiterarsi di tanta barbarie.

Si affaccia un pensiero: indipendentemente dal genere, sembra prevalere la perdita della sacralità della vita umana, qualsiasi essa sia. Che senso hanno, da dove derivano le stragi, gli stupri etnici e non, i femminicidi che vengono perpetrati in nome di un dio, di una etnia prevaricatrice su altre, di un Io frustrato e così vulnerabile da non accettare la fine di una relazione o l’altro Altro-da -se?

Amori sbagliati, patologici, grandi e piccoli, nei quali si è smarrita, bruciata, uccisa la vita stessa nell’aspetto cruciale del suo essere SACRA. Sacra per sé stessa e per chi la abita ma soprattutto per ciò che è in relazione agli altri, al mondo, all’universo.

Annientare, colpire, uccidere una donna sembra rafforzare questa troppo diffusa perdita della sacralità della vita perché è la donna che porta in sé una vita, la partorisce e la consegna al mondo, agli altri esseri umani, con tutta la sua essenza sacra.

Senso del sacro che niente ha a che vedere con qualsivoglia religione, ma solo con l’intima profonda spiritualità che abita ognuno e che necessita dell’altrui riconoscimento per poter essere.


IMG_20160521_084745                   Seduta su una panchina, pensierosa

IMG_20160515_182611                            o su una spiaggia, lo sguardo all’orizzonte

1463812819042              in equilibrio dentro la vitaIMG_20160520_094706                         o raccolta in preghiera, 

                                                                                    ben eretta davanti alla vita

basta con chi continua a uccidere

le Donne,

con chi ci vuole in suo possesso,

con chi non accetta un nostro NO

per il sesso

per le botte

per la gelosia.

Basta Basta Basta

capire

accogliere

scusare

ricominciare

Basta Basta Basta

ripetuto

agito all’infinito

finchè quegli  uomini

non avranno più cittadinanza

tra l’umanità intera.

E il deserto sarà la loro terra.

 

http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne/