Il blog di Luciana Coén

Archivi categoria: vuoto

Ci vuole tempo

per lasciar andare

-sedimentare

sentimenti ricordi pensieri

pacificarsi con sè stessi

con il passato

con ciò che è stato.

Finché la calma del vuoto

lascerà spazio al nuovo

in un tenero

luminoso abbraccio.

 

L’ultimo tempo

sarà il tempo del ringraziamento

per il dono ricevuto

ed accolto.

Con amore

nell’amore.

gennaio2017 066

Annunci

Polvere. Finissima polvere.

Silenzio. Assoluto silenzio.

Assenza. Assoluta assenza.

Riposo. Nell’assoluto riposo.

 

Spegnerò le parole

come luci

all’approssimarsi della notte

e sarà il buio

l’assoluta assenza di luce

che, forse,

riporterà voci

impressioni immagini.

Poche altre parole ancora

suoni sempre più impercettibili

significati sempre più incomprensibili

vuoto pieno di parole non-senso.

Fino alla prossima luce,

l’albore che ci rischiarerà

ancora.

gennaio2017-009

foto di Elena Cencetti, proprietà riservata  ©

 


Dove avverto mancanza, vuoto, forse una volta c’è stato un pieno.
E allora, rivolgerci al pieno, anziché stazionare nel vuoto, riportare a galla frammenti del pieno per depotenziare, detronizzare il vuoto che vuole albergarci, abitarci dentro.
In realtà, nell’universo il vuoto non dovrebbe esistere, perchè siamo veramente interconnessi, collegati l’uno all’altro – vivente o meno – in una soluzione di continuità e contiguità e anche se esiste una frattura, una discontinuità, le cellule, gli esseri si attivano per ripararsi e riconnettersi.
Forse si modificano le connessioni e le difficoltà-impossibilità a vederle, riconoscerle, accoglierle, ce le fa vivere come vuoto, spazio disabitato.

1471178133080

Probabilmente è qualcosa che al momento ci appare ignoto, sconosciuto.
In fondo, una volta conosciuto, tastato, assaporato, abitato, il vuoto si restringe, perde il senso di estraneità, di vacuità, di paura, di fagia-inglobamento e ci appartiene, come un dolore contenuto in un’urna e divenuta il riempimento di un qualcosa che non è più come lo abbiamo vissuto fino ad allora ma che esiste altrove in altra forma, in altre sembianze.