Il blog di Luciana Coén

Archivi tag: colori

 

Il vento fresco di maestrale

accarezza il corpo disteso sulla sabbia

sotto il sole cocente

rinfrescandolo e sussurrando

non voglio essere il porto di nessuno

nessuno deve ormeggiare su di me

con la sua barca

per trovare riposo e ristoro

voglio veleggiare

a quattro o più o meno mani

dirigere il timone

e issare le vele verso mete

Lontano

oltre l’orizzonte del mare e del cielo

cerco un porto anch’io per ripartire.

18agosto2019 081

 Mi insegni l’arte di lasciar andare
quando il dolore preme
oggi
senza un perchè
e toglie il respiro le forze
-la luce è tersa
i colori vividi
il mare calmo
ma preme
il dolore
preme
sugli occhi
e ottenebra i colori
preme
sugli orecchi
i suoni attutiscono
preme
sulle membra
cedono sotto il suo peso.

18agosto2019 016

 

E scriviamo
o diciamo
sempre le stesse cose
ripetendole quasi ossessivamente
perchè ogni volta
sono nuove
vestono abiti diversi
abitano corpi altri
in ambienti mutati.

Ma tu sorridi
-continui a sorridere
e vai,
ti allontani
e le tue labbra
sussurrano ancora
finchè non sei più che un alone

lascia andare,
perdonati,
perdona.

18agosto2019 249

Fili  tesi ragnatele
o come lenze
impigliate negli ami
agganciati alle bocche
rimaste aperte per lo stupore

e niente riesce a liberarle
sanguinano
e chiamano a sé
corpi appesi ai fili
per un altro
ultimo
definitivo
martirio.

Com’è difficile
lasciar andare
staccarsi
rendersi liberi.

18agosto2019 235

 

Ogni cosa
ogni attimo pensiero azione
racchiude   possiede contiene nasconde abita
il suo ultimo:
di qualcosa è già conosciuto che sia l’ultimo;
per lo più l’ultimo verrà dopo
o dopo molto
nel tempo e nello spazio.
Ma verrà.

Ultimo bacio, con chi quando dove, sconosciuti
ultimo respiro, ignoto
ultimo giorno di un qualcosa
talvolta programmato.
Ma tutto ha una fine
tutto ultima
sconosciuta o meno.

Prepararsi e o accogliere
prepararsi a ciò che è previsto
comunque
accogliere
ciò che arriva
improvviso
o ripensato poi
come ultimo.

In tutti i casi
lasciar andare il già stato
-sabbia fine scivola tra le dita
lasciarsi andare a ciò che – dove – sono
e attendere quel che sarà
e sarà ultimo anch’esso
prima o poi.

18agosto2019 239

Continuerò a chiedermi
cos’è la morte
quel momento in cui
una persona
conosciuta vicina lontano amata
non è più presente
a lei a me a tutti
nello stesso tempo e spazio
allo stesso sguardo
allo stesso ascolto
allo stesso tocco.

E lo sgomento
ogni volta lo stesso
-urlo di Munch in eterno
senza risposta.
Ogni volta
per tutte le volte che
la vita è privata
a qualche volto
voce pensiero
mani conosciuti

Dove sarà? Dove saranno?
Risuona la domanda
eco infinita
cos’è la morte?

 

18agosto2019 242

Ricorderò te
donna che non è più
per la pelle morbida
pesca appena colta
velluto appena disteso

per la ritrosia nel darti
lenta, titubante
aprirsi poi come una rosa
al sorgere del sole
ancora umida di brina notturna

per il silenzio
rari fonemi
piccoli minuti gesti
lo riempivano
sguardi e passi felpati.

Ricorderò te
per l’amore creduto solo mio
cieco dello sguardo altrui

Ricorderò te
perchè altro non resta
si è dissolto nella fine
che attende tutto.

Vai per la tua strada.
Un amen per te.

DSC_9612

Una rondine, petto bianco
proteso al cielo
-potenza della natura;
un capriolo
lieve e veloce tra i campi
invano rincorso da un cane
-forza della natura;
qualche fiore di gelsomino bianco
ancora il suo
esile profumo inebria intenso il cammino;
una mora colta dal rovo
e subito assaporata;
uno scoiattolo rossiccio
con coda scura
scappa dalla strada
e si inerpica sull’albero nascondendosi
-vita della natura.
Un sospiro profondo dell’anima e
un battito profondo del cuore
“Il sussurro del mondo” (Richard Powers)

Annunci

LOCANDINA WEB

giovedì 23 maggio 2019, una mattinata in compagnia degli anziani

della RSA Villa S. Martino di San Casciano e dei loro acquerelli

http://www.gazzettinodelchianti.it/articoli/approfondimenti/24479/notizie-su-san-casciano/mostra-pittura-rsa-san-martino.php?fbclid=IwAR2JG1zn0o80842VHSZztOttssC2Koo2_Lg90TseLg2VhLydnoijCvt_eBo#.XOegcRYzbIV

nella splendida cornice del Museo Arte Sacra Giuliano Ghelli

madonne

dove la nostra Nunziatina, narratrice della sua vita nel libretto scritto con la cura di Rosella Borghi e Luciana Coèn “Sul filo della memoria-Ricordi amorevoli di Montepaldi”, ha potuto rivedere la Madonna che era nella chiesina di Montepaldi annessa alla fattoria dove ha vissuto e lavorato un’intera vita

nunziatina madonna

facendole battere ancora più forte il cuore!

Grazie alla direttrice del Museo, che ha concesso i locali;

grazie ad Eugenia Liaci che ha condotta i laboratori di pittura;

grazie agli operatori della RSA e alla direzione per l’attenzione ai loro ospiti;

grazie a Rosella per la complicità nell’avventura

ma soprattutto

grazie a tutti gli anziani che ci hanno fatto capire e vedere che dentro ognuno di noi c’è un mondo che può essere sempre svelato con qualsiasi arte

purchè ci sia cura, attenzione, rispetto, curiosità.


L’estate

il sole

il caldo

il mare

hanno il sapore salmastro

del chicco d’uva

croccante sotto i denti

caduto nella sabbia bianca finissima

e sciacquato nell’acqua marina;

del pomodoro rosso

succoso maturo

addentato e grondante

linfa sanguigna

su una fetta di pane

di semola di grano duro.

Il sapore dei ricordi d’infanzia

delle grida gioiose

ri-posano

dentro il mare smeraldo

nella Terra Madre

-Madre Terra.

MARE:

STORIA:

PIANTE:

TRAMONTI:

ARTE CONTEMPORANEA:

e come non augurare buona vita a questi piccoli rondinini che attendono il cibo stretti nel loro nido…


Sono stati occhi

carboni ardenti

colmi di sentimento nascente;

sono stati occhi

neri

colmi di sgomento perplesso

prossimi alla fine;

furono occhi

-ora aggrappati

alla memoria

gocce di colori

lacrime di ricordi.

 

Sono azzurri

-pietre di acqua marina

gli occhi che

oggi

mi guardano

-dentro il mare

il cielo

un orizzonte

si immerge

celeste e marino

-nessun limite nasconde

ma l’immensità

di un prezioso futuro

avanza silenzioso.


gita fuori porta….

suggestioni da una splendida città, Ferrara

interessantissima mostra e emozionante camminare in nuovi scorci

e trovare altre parole e tanto verde