Il blog di Luciana Coén

Archivi tag: natura

Per te, stasera

ho imbrigliato

un etereo arcobaleno

28dicembre2017 009

– timido

si mostrava

in tutti i suoi intensi colori;

un sole

– arrossava le nuvole rimaste grigie

e gravide di pioggia

tutto il giorno

28dicembre2017 007

Mentre la luce scemava

le gocce riprendevano

a intingersi nelle chiome

e le campane

radunavano per il vespro serale.

28dicembre2017 016

Il sole infine

nell’ultimo suo luccichio

calava all’orizzonte.

28dicembre2017 013

Annunci

tornoperungiorno_copertina

 

in uscita nei prossimi giorni….

grazie a Rosella per l’acquerello di copertina, grazie a Marta per la prefazione

 

 

buona lettura!!!

 

 


Controvento

forse

le spalle al mare

la barca scivola

sull’acqua dolce

senza resistenza alcuna

silenziosa.

18agosto2017 024

Voga dopo voga

viso ai monti

sguardo al sole

-si affaccia al di sopra delle vette-

occhi gravidi

delle striature rosse rosacee

assorbite in brevissimo

nel giallo caldo

del nuovo giorno.

Sia luce.

Immagine 015

Immagine 002

Immagine 003


18agosto2017 106

mini assaggio di via Francigena o Romea…

18agosto2017 104

dove immersa nella natura, tra odori colori e silenzio, puoi assaporare e godere

 

quello che viene offerto…

e  se esci appena un po’ dalla via

 

 

insediamenti umani antichi vengono incontro

18agosto2017 089

e stupisci a vedere sulle antiche pietre il gioco della campana, di infantile memoria, quando si giocava per strada e sui marciapiedi…

 

e a sera, con i piedi e le gambe provate, ma con l’anima colma di bellezza, il sole al tramonto illumina il giorno che finisce e, nel cuore, già quello che avanza.

Riscoperta di sè, nel silenzio della via, dove pochi pellegrini si incrociano o anche nessuno e solo la natura accompagna i passi.

Alla prossima più lunga via!

 

Un grazie dall’anima e dal cuore a Elvira e Roberto per l’accoglienza nelle loro stanze, dell’anima e della casa!

A presto rincontrarci!


Tu vedi scendere

la goccia di sudore

dalla fronte?

 

La sento scivolare

lentamente

vicino l’occhio

sdrucciola

nelle rughe del viso

dapprima densa

poi sempre più lieve

arriva intorno alla bocca

lascia una scia

lungo la sua strada

e finisce

riarsa dalla pelle

che la assorbe

e la disidrata completamente

sotto il mento

imbrigliandola

nelle pieghe del collo.

 

E un’altra goccia

scende

e riprende la sua via.

Il lavoro di vivere…