Il blog di Luciana Coén

Archivi tag: poesia

Non camminò sulle acque,

l’amore

-o le acque non si aprirono-

per porgergli la terra

sotto i piedi.

Inabissato nell’abisso interiore

solo nell’assoluta solitudine

del solo

ancora vola

-aquilone dal filo dispiegato

in attesa delle dita

che lo riavvolgano

e ne orienti l’ascesa.

 

 

Annunci

Morto

sprofondato in un recesso

inaccessibile ormai al mio cuore

non avrai più alcuna altra

resurrezione

-non possiedi il bene alato

dell’anima pura.

Libera dall’abbraccio costringente

da parole edentule falsamente vere

leggera senza il tuo piombo

andrò,

viva

e fino all’ultimo respiro

addio.


Ex

Amarci

tenera fatalità.

 

Lasciarci

dolorosa necessità.

 

Incogniti incedono i giorni.

 

Troverò pace e riposo

nell’essere stata (forse)

amata

e mai (forse) intimamente

accolta

conosciuta.

 

Pennellate lievi sfumano

la luce i colori.


Perdi le albe

il raggio di sole

quando sfora le nuvole

quando restituisce luce al giorno

verde ravvivato agli alberi

canto agli uccelli risvegliati.

 

Perdo la notte

vissuta nelle strade

dalle luci soffuse

nella penombra degli alberi

nei corpi sfatti di sonno

e di altre vite con-fuse

nel buio.

 

Perdiamo giorni

perdiamo notti

insieme

perdiamo incontri

nel mancarsi

chiusi nelle proprie albe

e nelle proprie notti.


Lo sguardo dell’amore

non ha il colore

degli occhi

che si sprofondano

l’uno dentro l’altro:

ha il colore della luce

della vita

che si donano

nell’intima vibrazione

-forte travolgente sacra.

 

11novembre2017 099