Il blog di Luciana Coén

Archivi tag: storia

A. B.

5 MontepaldiDivX_Moment - Copia

Ricordi amorevoli da Montepaldi
(San Casciano Val di Pesa – Firenze)

 

Annunziata ha 95 anni, ha vissuto tutta la vita, dalla nascita al pensionamento, al servizio dei padroni di Villa Montepaldi, succedutisi nel tempo. Ora risiede in una residenza per anziani, costruita sul terreno che lei ha curato e coltivato.  Il desiderio di raccontare la sua vita è stato esaudito e la sua testimonianza stampata sul libretto “Ricordi amorevoli da Montepaldi”. Dopo averle donato il libretto, è arrivato il senso di leggerezza, i ricordi avevano trovato una loro collocazione e altri emergevano andando poi a completare quelli già narrati. Adesso appare più serena più leggera, liberata e forse pacificata con gli anni trascorsi e i ricordi. Il passo successivo che abbiamo compiuto, Rosella che ha raccolto la storia ed io che l’ho risistemata letterariamente, è stato quello di contattare i suoi “datori di lavoro” con i quali si era instaurato un reciproco rapporto amichevole, di fiducia. Da una mail all’altra siamo riuscite a rintracciarli e a invitarli a venire a trovare Annunziata. La loro risposta è stata subito positiva.

Il primo incontro è stato molto commovente, di forte impatto emotivo: due donne, la “padrona”, Aimee, di 96 anni (la signora a sinistra) e “la domestica/giardiniera/cuoca” di 95 (la signora sulla destra) si sono riviste dopo più di 30 anni. Due belle signore anziane, ognuna con i propri acciacchi dell’età (sordità, stampelle, rollator…) che si ricordavano a vicenda e  insieme episodi persone, sfiorandosi le mani i volti quasi ad affermare la realtà, la fisicità dell’incontro sfumando il sogno e il “non ci credo” di Annunziata.

La gioia, la serenità, la complicità che le due donne avevano ritrovato, davanti a un bicchiere di vino Chianti Classico rosso, è stato un bell’esempio di come relazioni leali, fondate  sull’affetto e sul reciproco rispetto, al di là dell’appartenenza e ruolo sociale, costruiscano legami solidi che vanno al di là del tempo e dello spazio. Alla fine la signora “padrona” ha detto, dopo aver riportato a galla ricordi comuni, che viviamo tanti momenti sereni e gioiosi ma ce ne accorgiamo solo quando sono passati, non riusciamo a viverli e ad assaporarli nel presente. Sacrosanta verità!

Dopo due settimane, il secondo incontro, con il “datore di lavoro” Leandro, che aveva acquistato la villa successivamente. Anche questo incontro segnato da commozione nel ritrovarsi e nel rievocare ricordi comuni della vita in villa, nella sua semplicità e autenticità, legata alla terra, al suo ciclo vitale, al mondo naturale in generale. I polli i conigli allevati a terra, gli ortaggi freschi e di stagione, con sapori e consistenza veri…tutto aveva un suo ordine naturale che veniva rispettato e che dava serenità nello scorrere del tempo e negli accadimenti.

IMG_3027

Rosella ed io siamo felici di aver donato serenità a Annunziata, di averla percepita pacificata con la sua vita, di averle permesso di rivedere persone alle quali è stata legata da sincera reciproca amicizia e riconoscenza, con l’augurio che possa trascorrere il tempo rimasto con più luce.

Per noi due, che abbiamo avuto un rapporto complesso con le nostre madri  che ci ha reso molto difficile accompagnarle nella fine dei loro giorni, dando loro serenità e pacificazione con le loro storie travagliate, Annunziata ci ha dato la possibilità di aiutarla a chiudere il cerchio, di andare con più leggerezza verso la conclusione della sua vita. Un onore, un dono per noi e un aiuto nell’accettazione del trascorso con le nostre madri e nel rassicurarci che si può, ma che ci deve essere l’accoglienza da ambedue le parti.

Grazie Annunziata e grazie a Aimee, Leandro, Desideria per la loro presenza

Grazie Rosella per la complicità e sorellanza in questa avventura.

 

Annunci

tornoperungiorno_copertina

 

in uscita nei prossimi giorni….

grazie a Rosella per l’acquerello di copertina, grazie a Marta per la prefazione

 

 

buona lettura!!!

 

 


Lasciar andare.

Un tempo

le parole

la voce

la presenza

vibravano fin

nelle cellule più nascoste.

Da tempo non è più.

 

Non è tempo

per le emozioni,

le nostre.

 

Un tempo

ormai lontano

ci siamo incamminati

in strade nuove

diverse.

Lasciar andare

nel silenzioso

reciproco rispetto

il nostro tempo,

nuovo tempo

abbraccia ora

le singole vite.


Dove avverto mancanza, vuoto, forse una volta c’è stato un pieno.
E allora, rivolgerci al pieno, anziché stazionare nel vuoto, riportare a galla frammenti del pieno per depotenziare, detronizzare il vuoto che vuole albergarci, abitarci dentro.
In realtà, nell’universo il vuoto non dovrebbe esistere, perchè siamo veramente interconnessi, collegati l’uno all’altro – vivente o meno – in una soluzione di continuità e contiguità e anche se esiste una frattura, una discontinuità, le cellule, gli esseri si attivano per ripararsi e riconnettersi.
Forse si modificano le connessioni e le difficoltà-impossibilità a vederle, riconoscerle, accoglierle, ce le fa vivere come vuoto, spazio disabitato.

1471178133080

Probabilmente è qualcosa che al momento ci appare ignoto, sconosciuto.
In fondo, una volta conosciuto, tastato, assaporato, abitato, il vuoto si restringe, perde il senso di estraneità, di vacuità, di paura, di fagia-inglobamento e ci appartiene, come un dolore contenuto in un’urna e divenuta il riempimento di un qualcosa che non è più come lo abbiamo vissuto fino ad allora ma che esiste altrove in altra forma, in altre sembianze.